Registrazione  |  Login

martedì, mag. 30 08:07

 
 

 
 
 
 
 Text/HTML Riduci


 Stampa   
 Text/HTML Riduci


 Stampa   
 Banca dati Riduci

 Stampa   
 Spread Btp- Bund Riduci


 Stampa   
 Facebook e Youtube Riduci

       


 Stampa   
 LA META SOCIALE Riduci

        


 Stampa   
 Link istituzionali Riduci

      

  

  


 Stampa   
 Riforma delle pensioni Riduci

GUARDA QUANDO VAI IN PENSIONE     

CLICCA QUI


 Stampa   
 Oroscopo Riduci

       


 Stampa   
   Riduci

        ROMA 7/8/9 NOVEMBRE   

            


 Stampa   
 Indagine Parlamentare sulle morti bianche Riduci

Con la stesura della Relazione finale, approvata nella seduta del 15 gennaio scorso, la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro, presieduta dal senatore Oreste Tofani, ha portato a termine la accurata e dettagliata attività di indagine sul fenomeno degli infortuni sul lavoro con particolare riguardo alle cosiddette morti bianche. Tra gli obiettivi dell'inchiesta, avviata nel 2005 e scandita dalla redazione di tre relazioni intermedie presentate e discusse rispettivamente il 21 ottobre 2009, il 12 gennaio 2011 e il 7 febbraio 2012.

LEGGI LA RELAZIONE


 Stampa   
 Text/HTML Riduci

IL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI DELL'INDUSTRIA ALBERGHIERA E RISTORAZIONE E' SOSPESO PER MANCATO RAGGIUNGIMENTO NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI


 Stampa   
 Finanza Riduci

 


 Stampa   
 notizie Riduci

 


 Stampa   
 RIFORMA DEL LAVORO Riduci

           

LEGGI TUTTA LA RIFORMA DEL LAVORO


 Stampa   
 Notizie economiche Riduci

 

CORTE DEI CONTI: ENTI LOCALI A RISCHIO PER DEBITI FUORI BILANCIO. LEGGI L'ARTICOLO

PIL: E' RECESSIONE! I DATI A GIUGNO 2012. LEGGI L'ARTICOLO

INPS: A FEBBRAIO 80 MILA DISOCCUPATI. VOLA LA CASSA INTEGRAZIONE + 22%. LEGGI L'ARTICOLO

FATTURATO E ORDINATIVI NELL'INDUSTRIA. LEGGI L'ARTICOLO 

 


 Stampa   
 UGL - LUCCA Segreteria Territoriale Riduci

 

La UGL è tra i sindacati maggiormente rappresentativi in Italia. Associa lavoratori e pensionati, senza distinzioni di sesso e di razza, tutelandone i diritti nel mondo del lavoro. Promuove la costituzione di associazioni di autotutela e solidarietà e ne supporta l'azione contro ogni forma di esclusione sociale.

La UGL è una realtà in crescita grazie all’impegno degli iscritti e dei dirigenti sindacali. Unisce sotto un unico tetto i lavoratori del settore elettrico, acqua e gas, particolarmente strategici ed essenziali per la vita e lo sviluppo del Paese.

Occorre perciò porre una attenzione notevole e svolgere il nostro ruolo sindacale tenendo conto delle ripercussioni che scelte sbagliate o affrettate possono avere sul Territorio.

Ne deriva pertanto la necessità di un costante confronto con tutte le forze politiche, istituzionali, sociali, datoriali e sindacali.

La UGL è consapevole che soltanto aprendosi al dialogo nascono fattive collaborazioni, che oltre a produrre ottimi risultati, contribuiscono a sanare quelle fratture e chiusure generate da contrapposizioni politiche. La nostra organizzazione, democratica, libera ed indipendente dai partiti, ha le carte in regola per pretendere pari dignità con le altre maggiori organizzazioni, siano esse datoriali che sindacali.

In questo sito diamo spazio  a te che lavori, a te che sei pensionato  e a te che sei  disoccupato, a te che hai o hai avuto  rapporti con i settori dell’energia sopra elencati, ascolteremo e potremo pubblicare  le tue proposte, mettendo a disposizione così uno strumento eccellente della comunicazione qual è internet.

Se dunque vuoi dire la tua e contribuire con le tue idee, non devi fare altro che registrarti: l'iscrizione è semplice e gratuita!

Ti   aspettiamo.

                                     Il Commissario Straordinario UTL Lucca

                                                                                             Luca Cianelli


 Stampa   
 Brevi dalla Confederazione Riduci

SABATO 25 OTTOBRE MANIFESTAZIONE A ROMA CONTRO IL JOB ACT 

28/29 0TTOBRE CONSIGLIO NAZIONALE

Pensionati, Mannucci: “ Mercoledì 5 novembre protesta davanti a Montecitorio” 

 


 Stampa   
 CAF UGL Riduci

  


 Stampa   
 ENAS Riduci

           


 Stampa   
 SINDACATO INQUILINI Riduci

   


 Stampa   
 Economiche e Sociali Riduci

 


 Stampa   
 Manifesto Riduci

        


 Stampa   
 Tesseramento 2011 Riduci

            


 Stampa   
 CONGRESSO CONFEDERALE Riduci

      


 Stampa   
 ACCORPAMENTO PROVINCE Riduci

Signor Presidente del Consiglio, Signor Sindaco, signori Consiglieri,

 vi ringrazio per l'invito e per averci dato la possibilita' di esprimere la posizione del sindacato UGL, che qui rappresento, in merito ad una questione di tale importanza. Anche a seguito dell'incontro del 9 agosto, tra la Provincia e le parti sociali dove abbiamo espresso chiaramente la nostra posizione, ci sentiamo di fare alcune riflessioni.

Prima di tutto esprimiamo le nostre perplessita' circa le modalita' con cui si arrivera' all'accorpamento; vediamo che ancora c'e' molta confusione. Occorre, ad esempio, capire se resteranno aperti gli uffici distaccati nelle varie province e di cosa ne sara' del personale ad oggi occupato.

Non bisogna fare del facile populismo; se si ritiene che le province siano enti inutili e fonte di sprechi, occorre procedere al loro accorpamento con serieta', razionalità, chiarezza e coerenza. Non si può fare un'accozzaglia di territori sul principio esclusivo di contiguità territoriale al solo fine di ridurne il numero. Occorre valutarne la storia, le caratteristiche socio economiche e di conformazione territoriale.

Abbiamo letto le più svariate soluzioni, a partire da quella più volte ribadita dal Presidente della Regione che auspicherebbe un raggruppamento costiero formato da Pisa, Livorno, Lucca e Massa Carrara e sostenuto anche da molti esponenti politici della nostra Provincia sulla base del fatto che appartenere ad un raggruppamento forte ci portera' dei benefici. In linea di massima puo' anche essere un ragionamento corretto ma riteniamo che cio' puo' essere giusto se si ha qualcosa di importante da spendere, da apportare nel nuovo soggetto amministrativo, che puo' essere appetibile per gli altri. Ma purtroppo cosi non e' e di conseguenza non avremo vantaggi tangibili in futuro. E su questo tema non ci agevola nemmeno la nuova legge elettorale che noi giudichiamo estremamente negativa e che va nel senso opposto a ciò che chiedono i cittadini con forza e cioè eleggere direttamente i propri rappresentanti.

Il nuovo regolamento elettorale, infatti prevede che elettori ed eleggibili siano i consiglieri comunali ed i sindaci. Ed inoltre la carica di sindaco e' compatibile con quella di Presidente della Provincia.

In una ipotesi di cui sopra, sicuramente il Sindaco di Pisa potrebbe avere il doppio incarico e ancor più sicuramente non si adopererà a portare risorse verso la nostra provincia. Il campanilismo non e' solamente tra i cittadini ma anche tra le istituzioni. La Provincia di Lucca e' sempre stata esclusa da qualsiasi progetto di sviluppo dalla Regione, i nostri rappresentanti non sono neanche stati inseriti nell'organismo che deve elaborare il progetto di accorpamento. Questi sono esempi concreti della considerazione che gli altri hanno di noi. Riteniamo quindi che sia più plausibile una ipotesi che veda l'aggregazione solamente con la Provincia di Massa Carrara, sia per una continuità territoriale che economica, dato che il distretto industriale lapideo parte dalla Provincia di Lucca per estendersi nella Provincia Massese. Così come geograficamente la Garfagnana e la Lunigiana ed il litorale apuo/versiliese sono uno il prolungamento dell'altro.

Per questo chiediamo che le istituzioni cittadine si adoperino, coinvolgendo anche gli Onorevoli parlamentari eletti nel nostro collegio o provenienti dalla nostra provincia di qualsiasi parte politica essi appartengano, senza distinzione affinché ci sia più elasticità nei criteri di accorpamento che diano la dignità che la nostra Provincia si merita per storia e cultura.

Grazie.


Il Commissario Straordinario UGL
Luca Cianelli
 


 Stampa   

Condizioni d'Uso  |  Dichiarazione per la Privacy  

 Copyright (c) 2000-2005